Tra sogno e realtà[ovvero un poeta non scrive soltanto per sé]

Mi son’ detto un poeta non scrive soltanto per sé
c’è qualcosa che arriva di notte e poi spinge l’inchiostro
puoi trovare un senso nascosto
una porta che si apre al confine tra sogno e realtà

Ma il futuro è già in viaggio incurante del nostro rumore
orizzonti crollati negli occhi di chi guarderà
quella luna su quel mare lontano
dove i sogni ora attendono chi liberarli potrà

E ho messo le parole ad asciugare al sole
come se il vento potesse portarle da te, ora che
comincia a farmi male la nostalgia che ho
per quello che ora rivivere non è possibile

Annunci