Forse non ci siamo capiti/3 [ovvero Abusivo? Non ti voto]

Passano anche da qui i messaggi per la politica. Da una campagna di ribellione quotidiana per l’incartamento selvaggio delle nostre città.

Abusivo? Non ti voto (#abusivonontivoto su twitter e qui le spiegazioni per chi voglia aderire e partecipare) non è antipolitica, che sarebbe troppo facile. E’ richiesta a gran voce di una politica pulita, bella (anche esteticamente), che rispetta le regole che si dà e che può cambiare (dopo, semmai). E anche di una politica che al posto di imporsi con nomi e faccioni per le strade, si metta in gioco. Risponda. Chieda. Toh, magari dal web.

Perchè i manifesti che imbrattano le nostre città sono questo:

antiecologici (la colla, la carta usate in un tempo in cui tutti hanno un cellulare per ricevere sms e molti, moltissimi ormai usano il web)
illegali (laddove attaccati negli spazi non destinati a tale uso come cassonetti dell’immondizia, muri di palazzi o addirittura spazi destinati ad altre affissioni.)
danneggiano il commercio perché spesso coprono i manifesti regolarmente pagati dalle imprese locali per pubblicizzare le loro attività
abusivi quando sono affissi sugli spazi preposti senza pagare la tassa
impiegano (anche) i fondi del finanziamento ai partiti
brutti perché rendono brutte le città italiane spesso veri e propri patrimoni artistici
sfruttano spesso lavoro nero
– contribuiscono a diminuire il livello culturale del dibattito politico

Qui il manifesto completo.

Annunci