L’opposizione che fa male [ovvero l’altro aspetto delle Unioni di fatto in Municipio XV]

#municipioXV si vota su #registrounionicivili favorevoli 10 contrari 6 Mozione APPROVATA

Con questo tweet ho chiuso la cronaca della seduta per l’approvazione del registro delle unioni di fatto in Municipio XV. Questo ultimo messaggio era stato proceduto da altri, relativi soprattutto alla totale vacuità dell’opposizione e delle tecniche di ostruzionismo, non propriamente politico, passate dal #dirittoallapappa, che l’esile consigliere d’opposizione Santori ha rivendicato paventando o minacciando uno svenimento (per evitare il quale aveva deciso di mettere piedi e gambe sullo scranno da cui dovrebbe svolgere il suo servizio di eletto dal popolo), fino all’occupazione fisica della scrivania della Giunta e del Presidente.

C’è stata una serie di emendamenti farsa che, per proteggere la famiglia (con il solito corollario di Costituzione italiana citata ad minchiam) con fare provocatorio, volevano trasformare il Registro per le Unioni di fatto proposto in un registro per il riconoscimento degli harem variamente composti, fino ad arrivare alla ‘dicotomia beffa’, tipica di chi si oppone alla crescita e allo sviluppo pensando che questo non sia già nella storia: da una parte lo strumento del registro è inutile, è una forzatura politica, è una imposizione propagandistica che non cambierà la vita delle persone; dall’altra ci si chiede perchè in un momento di crisi, quando la coperta è cortissima, si debbano allargare i diritti riconosciuti alle famiglie alle coppie di fatto.

E’ questo, quindi, al di là dell’approvazione del registro, che resta al cittadino prima ancora che al militante politico: nel nostro territorio non è possibile costruire una proposta che guarda realmente ai cittadini. La destra che oggi sta sul Municipio XV non ammette di andare oltre agli interessi costituiti di parte se non personali e al posto della mediazione politica e della costruzione di un progetto migliorativo per il Municipio e per i suoi cittadini, pratica un’ostruzionismo violento e senza senso, senza prospettive nè proposte alternative.
Questo è anti-politica, non la sua denuncia.

[Per chi volesse ridere per non piangere sull’opposizione del PDL può cercare l’hastag #municipioxv o #registrounionicivili]

Annunci