Era arrivato l’inverno [ ovvero Bastante viejo]

Più o meno, da una traduzione zoppicante.

«E sarebbe arrivato l’inverno come stasera. Magari saremmo corsi a casa con ancora i brividi addosso e avremmo cenato velocemente. Ci saremmo raccontati tutto d’un fiato per chiudere tutto fuori. Era adesso che dovevamo viverci. Gustarci i nostri amari, diversi sempre, sotto quella terribile lampada finto Tiffany, aspettando che arrivino in sequenza le telefonate di mia madre, tua madre, Manuel, Monique. Ancora un giorno che dovevamo viverci».

Annunci